Serie B, Avellino-Venezia 1-1: Moreo e D’Angelo


Luigi castaldo dell'Avellino  e Francesco Zampano del Venezia La Presse

Luigi castaldo dell’Avellino e Francesco Zampano del Venezia La Presse

Due corner nei 10′ finali decidono Avellino-Venezia con i lagunari che subiscono il primo gol stagionale dopo ben 448′. Resta imbattuto il Venezia che aveva sperato nel colpaccio dopo che Moreo all’80’ aveva portato in vantaggio i suoi sugli sviluppi del calcio d’angolo battuto da Strulac. Meritato il punto per l’Avellino bravo a non disunirsi e trovare a 2′ dal 90′ il pareggio sempre sugli sviluppi di un corner con il capitano D’Angelo ad abbattere per la prima volta il bunker veneto.

LA PARTITA
Ampio turnover per Novellino che cambia ben sei uomini della formazione uscita sconfitta da Cesena per 3-1 rinnovando per intero il pacchetto arretrato compreso il portiere con il debutto di Radu, mentre Inzaghi nel collaudato 3-5-2 costretto ad una sola modifica per la squalifica di Bentivoglio con Stulac al suo posto. L’altro cambio arriva, invece dopo 8′ quando Modolo in uno scontro di gioco fortuito costretto ad uscire per un colpo alla testa ed essere trasferito in ambulanza nel vicino ospedale per degli accertamenti, al suo posto Cernuto. Il Venezia non modifica l’assetto ma soprattutto la sua predisposizione alla fase difensiva con l’Avellino che pur avendo un maggior possesso palla pericoloso solo sugli sviluppi di calci da fermo. Come al 13′ quando sul corner di Morosini, Di Tacchio indisturbato svetta di testa colpendo…