Neonata morta in sala parto, sei indagati per omicidio colposo – Cronaca


Sassuolo (Modena), 23 settembre 2017 – «Preghiamo perché i genitori, prima pervasi da speranza e da sogni e ora provati dall’amarezza e dal veleno, possano tornare a credere nella vita». Nelle parole di don Francesco Saccani, parroco della chiesa di Braida, c’è tutta la tragedia di una famiglia distrutta dalla perdita della piccola Aurora, la bimba morta durante il parto all’ospedale di Sassuolo dieci giorni fa. Erano un centinaio le persone che ieri mattina hanno partecipato al funerale e si sono strette attorno a mamma Giovanna e a papà Gavril. Testimoniando vicinanza e, per quello che è possibile, conforto. La 22enne ha assistito a tutta la funzione sorretta e abbracciata dalla madre. La piccola era custodita in una minuscola bara bianca portata in braccio dal padre, che con un gesto dolce e straziante al termine delle esequie l’ha posata sul carro funebre diretto al cimitero nuovo. Niente applausi consolatori, niente canti, solo preghiere e silenzioso sgomento. Il corpicino della bimba che se ne è andata prima di vedere il mondo ha trovato posto nel ‘campo dei fanciulli’: parenti e amici hanno voluto dare l’estremo addio ad Aurora gettando un pugno di terra ciascuno sulla bara nella fossa dove è stata seppellita.

Novità intanto sul fronte delle indagini: sono sei gli indagati dalla procura di Modena per la morte della bimba durante il parto in ospedale. Si tratta di un’operatrice sanitaria, due ostetriche e tre medici….