Milan, la rivoluzione di Montella. Con l’Austria Vienna tocca a Kalinic-André Silva


montella

Milan, la rivoluzione di Montella

Milan, ricominciare a Vienna. Montella cambia tutto, dopo la scoppola dell’Olimpico contro la Lazio l’allenatore rossonero rivolta la sua squadra come un calzino. Contro l’Austria Vienna si vedrà il tanto atteso 3-5-2 con tante novità negli interpreti. Saranno ben 7 i cambi nell’undici titolare rispetto alla sconfitta contro i biancocelesti di Simone Inzaghi. Davanti a Donnarumma ci sarà il trio Zapata-Bonucci-Romagnoli. Turno di riposo per Musacchio, apparso in evidente difficoltà domenica scorsa contro Immobile e compagni. Sugli esterni non ci saranno né Conti né Rodriguez, neanche convocati da Montella. L’ex atalantino soffre ancora per la distorsione rimediata in nazionale, semplice turnover per lo svizzero. Al loro posto giocheranno Abate-Antonelli. A centrocampo vicino a Kessié-Biglia giocherà Calhanoglu. Il turco avrà ampia libertà di manovra, tanto fa trasformare il 3-5-2 di partenza in un 3-4-1-2. La vera novità è in avanti dove giocherà il tandem Kalinic-André Silva. Entrambi hanno bisogno di giocare per trovare la migliore condizione. Soprattutto il croato arrivato negli ultimi giorni di mercato e che ha ancora pochi allenamenti con i compagni nelle gambe.

Avrei cambiato modulo anche se avessimo vinto con la Lazio”, così Montella alla vigilia dell’esordio nei gironi di Europa League. C’è da credergli perché il 3-5-2 sembra lo sfogo naturale dopo gli acquisti estivi…