Addio a Lorenzo, calciatore 18enne, ucciso da una malattia – Cronaca



LORENZANA. Guerriero, anima gentile, ragazzo nato con la grinta del difensore, campione e angelo. Si possono usare solo belle parole per descrivere chi era Lorenzo Burgalassi, studente dell’istituto Pesenti di Cascina, giocatore del Tuttocuoio, figlio amato, amico dal sorriso generoso. Ma il pensiero di tutti corre verso un ragazzo di 18 anni, ucciso in una settimana da una malattia fulminante.

Chi lo conosceva è tornato a scorrere le pagine della memoria, alla ricerca dei momenti più belli trascorsi con lui.


LORENZO

Il padre di Burgalassi, giocatore neroverde, invia un messaggio alla presidente del Tuttocuoio: “Lorenzo è andato in cielo”


Il tempo di capire a cosa erano dovuti quegli improvvisi malesseri e già i medici stavano pronunciando una diagnosi terribile. La peggiore, quella che mai nessun genitore, amico e coetaneo vorrebbe sentire. E poi è successo tutto rapidamente e per la famiglia nel vortice del dolore sono iniziate giornate di angoscia, mentre tutto il mondo del calcio e quello della scuola si chiudevano nel lutto per la vita spezzata di un ragazzo chiamato troppo presto a giocare la partita della vita: ha lottato, ma non ce l’ha fatta.

Il giovane, cresciuto nel settore giovanile del Pontedera e ora in forza al Tuttocuoio (serie D), era…