“Vivendi controlla Tim”. Il giudizio della Consob inguaia i francesi


Direzione e coordinamento? Niente affatto. Quello che i francesi di Vivendi esercitano su Tim è un controllo di fatto. Giudizio severo quello della Consob, che con un comunicato non lascia spazio a dubbi e fa cadere l’interpretazione del gruppo di Vincent Bolloré, che ha sempre usato altri termini, come coordinamento, per descrivere i rapporti in casa Telecom.

Scrive la Consob:

“Ad esito di una approfondita analisi della normativa in vigore e degli elementi di fatto la Consob ha concluso che la partecipazione di Vivendi in Tim debba essere qualificata come una partecipazione di controllo di fatto” ai sensi dell’art. 2359 del codice civile e dell’art. 93 del Tuf, oltre che della disciplina in materia di operazioni con parti correlate.

Perché la Consob ritiene che Vivendi controlli Tim

Quello che conta per individuare il soggetto controllante – spiega la Commissione – non è una particolare…