Fincantieri, Gentiloni non cede. “Difendere interessi nazionali”


“Difendiamo gli interessi italiani con tranquillità ma anche con forza”. Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, conferma la linea della fermezza sulla vicenca Fincantieri-Stx e aggiunge: “Vediamo se arriveranno nuove proposte, certamente tra Paesi amici ed europei bisogna collaborare”. Insomma nessun passo indietro del governo italiano alla vigilia di quello che si preannuncia un difficile confronto con il governo francese sui cantieri navali della Stx che Parigi ha deciso di nazionalizzare sottraendo a Fincantieri il controllo. Le parole di Gentiloni arrivano al termine di una riunione a palazzo Chigi con il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda e la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi. Sulla stessa linea anche il ministro della Difesa, Roberta Pinotti: “Condivido quanto hanno detto i ministri Calenda e Padoan: l’Italia non farà un passo indietro”. Domani Padoan e Calenda, terranno il punto con il ministro dell’Economia Francese, Bruno Le Maire, che arriverà a Roma con una nuova proposta. Il governo italiano ha respinto nei giorni scorsi l’offerta di Emmanuel Macron di limitare al 50% la quota di Fincantieri in Stx, che avrebbe invece dovuto rilevare il 66,6% in mano ai sudcoreani. Parigi, che ha stracciato il precedente accordo raggiunto tra l’Italia e il…